INFO TURISTICHE

La città

ottimo consiglioCivitavecchia si trova a nord ovest di Roma a circa 72 km di distanza, sull'Aurelia, in una posizione centrale tra Roma ed il cuore dell'Etruria. La città sembrerebbe risalire all'anno 1000, anno in cui la popolazione di Centumcellae decise d'insediarsi nuovamente nella Civitasvetula.
Nel 1508 Papa Giulio II costruì una fortezza. Nel XVII secolo Civitavecchia divenne il porto più bello del Mediterraneo. All'inizio del XX secolo la città divenne ponte di collegamento tra la Sardegna ed il "continente". La città fu completamente distrutta dai bombardamenti nel 1943.
Oggi Civitavecchia occupa un ruolo importante essendo il suo porto situato nel cuore dell'Italia, ruolo che ha visto il suo culmine nel Giubileo del 2000, anno in cui Civitavecchia è divenuta di fatto la via d'accesso a Roma.

Camminando per le vie della città

Civitavecchia-Forte-Michelangelo
La città offre ai turisti la possibilità di visitare il museo civico dove di possono ammirare reperti etruschi e romani provenienti dalle aree limitrofe così come dal vecchio porto. Nella piazza principale si trova la cattedrale dedicata a San Francesco d'Assisi costruita nel 1610, la chiesa della "Orazione e morte", costruita nel 1685, ha una pianta a "croce greca" unica nel suo genere dalle linee architettoniche semplici ed eleganti. Tra le chiese più antiche si può ammirare la "Chiesa della Vergine" in Piazza Leandra, nota anche come "Chiesa della Stella", costruita nel 1274. Verso la fine di "Viale della Vittoria" si trova la "Chiesa dei Santi Martiri Giapponesi", costruita nel 1864, che prende il nome da Pierbattista e dai 25  preti martirizzati in Nagasaki il 5 febbraio 1597. Le mura della città del XV secolo circondano Piazza Aurelio Saffi mentre dalla Rocca Vecchia si possono ammirare i resti delle mura che risalgono al X-XII secolo così come le rovine del porto dell'imperatore Traiano. Appena fuori la città si può ammirare il complesso degli antichi bagni romani, conosciuti come "Terme Taurine", uno dei complessi termali naturali più grandi, le cui sorgenti solfato- alcalino terrose erano in uso fin dai tempi degli etruschi e tuttora lo sono.

I Dintorni

civitavecchia306 001La città ed i dintorni sono, di fatto, un luogo turistico naturale. Iniziando da Cerveteri, dove sono evidenti i resti della civiltà etrusca, grazie anche alle splendide necropoli vicine al mare così come al lago di Bracciano. Possiamo proseguire con Santa Severa, nota per il castello medioevale a picco sul mare e per i reperti archeologici provenienti dalle rovine di Pyrgi, uno dei più importanti porti etruschi. A nord di Civitavecchia si possono visitare i "Monti della Tolfa" che si inerpicano fino a 636 m sul livello del mare. Sono delimitati dal fiume Mignone, fiume d'interesse archeologico e naturalistico.

Il Porto

crociere-last-minute-civitavecchiaIl porto di Civitavecchia è sempre stato, nei secoli, un porto d'interesse artistico ed architettonico, la struttura di base non è mai cambiata. E' attorniato ad est dal Forte Michelangelo, fortezza costruita nel 1535 da papa Paolo III Farnese, la costruzione venne iniziata da Papa Giulio II della Rovere così come la costruzione dei bastioni a protezione della città dalle invasioni straniere. Lato mare il porto è sormontato dalle mura di fortificazione costruite da papa Urbano VIII nella cui parte centrale si può ammirare la fontana del Vanvitelli. Andando verso ovest, subito dopo la maestosa e recentemente ristrutturata "Porta Livorno" si può ammirare la Rocca, una torre di forma quadrangolare costruita da Callisto II. Dal lato opposto alla via che porta alla Vecchia Darsena, si possono ammirare i bastioni maestosi costruiti da Antonio da Sangallo nel XVI secolo. Il porto è stato per molti secoli cuore del commercio e punto di contatto con le popolazioni che abitavano sulle rive del "mare nostrum". Oggi Civitavecchia gode di una moderna rete di trasporti che la collegano con Roma Capitale, con il resto d'Italia e del mondo.

Porto di Civitavecchia

Free WordPress Themes - Download High-quality Templates